A distanza di qualche giorno dal Consiglio sullo Sprar che si è svolto a Campi Bisenzio la scorsa settimana, anche la maggioranza è tornata sulla questione.

“Giovedì sera in consiglio si è tenuta una seduta straordinaria per parlare di Sprar (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) , un tema che la destra campigiana ha provato a sfruttare per compattarsi scegliendo, come loro abitudine, il “diverso” come unico nemico”.

Hanno affermato i consiglieri di Partito democratico, Emiliano Fossi sindaco e Campi progressista dopo il Consiglio comunale straordinario.

“Stavolta è toccato a qualche decina di ospiti dello Sprar del Gorinello, già titolari di protezione internazionale e inseriti nel virtuoso sistema di accoglienza e integrazione, ad essere dipinti come pericolosi criminali ed usurpatori di risorse pubbliche. Sfortunatamente per loro, la partecipata seduta, ha visto interventi bellissimi e chiarificatori dei soggetti aggiudicanti la gestione dello Sprar, unitamente ad interventi dei gruppi di maggioranza (Pd, lista Emiliano Fossi sindaco, Campi Progressista) ed opposizione (Potere al popolo e Sinistra italiana) che hanno ribadito la differenza con le posizioni populiste della destra”.

I consiglieri di maggioranza tirano poi una stoccata a Forza Italia

“Da segnalare la doppia giravolta del gruppo Forza Italia che a maggio 2018 si era astenuto sul voto in consiglio che sugellava il passaggio al virtuoso meccanismo dello Sprar, per poi dichiararsi addirittura favorevole a questo modello di accoglienza durante un recente consiglio comunale fino ad oggi, in cui lo definisce addirittura una scelta scellerata.

Se non fossero veri e propri veicolatori di informazioni false in grado di cavalcare politicamente anche le sparute proteste di gruppi antidemocratici come Casa Pound, ci sarebbe quasi da ridere. Così come per il volantino che dava per certa la presenza della prefetto quando sapevano benissimo che la conferma non era arrivata. Ci domandiamo se chi li ha votati lo ha fatto per farsi raccontare bugie quotidiane, spesso utilizzate per fomentare odio sociale, alla ricerca dello scontro tra le sofferenze presenti sul nostro territorio.

Tuttavia, durante la seduta, dovrebbero aver capito che questi mezzi sono inutili. Perchè Campi è da sempre una città accogliente, perché è un luogo in cui le sofferenze proviamo a farle incontrare e ad alleviare anziché strumentalizzarle a fini propagandistici, perché è governata da forze politiche responsabili che si mettono a disposizione dello Stato per affrontare nel modo migliore possibile un problema di dimensioni epocali come quello delle migrazioni, perché cerchiamo sempre di parlare alla testa dei cittadini anziché soltanto alla pancia”.

Ti potrebbe interessare anche:
Consiglio sullo Sprar, Gandola: “I veri discriminati sono i campigiani”
Sinistra italiana: “Non è l’immigrazione a portare la delinquenza”
Sprar a Campi, Ballerini: “Chi fomenta l’odio dovrebbe vergognarsi”