Forza Italia a Campi Bisenzio è pronta a lanciare le proprie idee per combattere la crisi del commercio. La proposta fatta all’Amministrazione è quella di realizzare, in tempi brevi, una sorta di stati generali del commercio campigiano, con la partecipazione delle storiche botteghe, dei commercianti e degli esercenti locali per intraprendere con loro un dibattito sulla rinascita economica del centro storico.

Il capogruppo di Forza Italia Paolo Gandola comincia quindi da un’analisi dei dati.

“Dopo aver chiuso il 2017 con un piccolo segno positivo, nel 2018 il comparto del commercio locale soprattutto dell’abbigliamento e degli accessori è in sofferenza. Segno meno anche per il saldo fra aperture e chiusure per i negozi del settore moda. Vogliamo davvero parlarne a 360 gradi aprendo una discussione in Consiglio comunale? Noi di Forza Italia siamo pronti”.

Un progetto organico e interventi mirati

Il capogruppo di Forza Italia lancia quindi la sua ricetta per combattere la crisi del commercio.

“L’eventistica non basta e spesso non è neanche promossa a dovere visto che, negli ultimi mesi, abbiamo assistito a eventi mal organizzati come lo street food che ha visto gli ambulanti andare via dopo appena 48 ore a causa del mancato afflusso di persone. Il rilancio della città deve infatti passare per la creazione di nuovi posti di lavoro e nuove occasioni di sviluppo. Per far tutto ciò, però, serve l’elaborazione di un progetto organico, condiviso, per il rilancio del commercio nei nostri centri storici. Telecamere per la videosorveglianza, iniziative a tema, segnaletica turistica e commerciale e soprattutto nuovo arredo urbano: sono solo alcuni degli interventi di riqualificazione in chiave commerciale e turistica del centro cittadino che andrebbero subito messi in campo. Tanti ma piccoli interventi intelligenti e mirati con l’introduzione urgente di nuovi arredi funzionali e l’eliminazione del degrado anche dovuto al posizionamento, fuori orario, di sacchi dell’immondizia nella via principale del nostro centro storico”.

Un bando per gli incentivi

“Riteniamo che l’amministrazione debba prevedere la pubblicazione di un bando multimisura per l’attribuzione di incentivi economici destinati ad attività artigianali, botteghe d’arte, filiera corta, enogastronomia e prodotti tipici, microricettività studi artistici ed altro ancora”. Prosegue Gandola “Crediamo importante che, nell’ambito delle iniziative finalizzate a favorire lo sviluppo del sistema locale, l’amministrazione comunale promuova azioni vere e concrete alla riqualificazione dei punti vendita delle attività esistenti. Ad esempio introducendo la concessione, tramite bando apposito, di contributi economici al fine di sostenere spese di investimento dirette al miglioramento delle attività che consentano il rinnovo di aree dehors, rinnovo delle insegne, sistemazione della vetrina e servizi innovativi rivolti alla clientela. Per non parlare poi, della tutela delle botteghe storiche con la creazione di un apposito albo e l’introduzione di scontistiche e incentivi particolari. Per far tutto questo servono risorse appositive, servono scelte amministrative chiare e decise. Di tutto questo, per cinque anni, non si è potuto parlare visto che l’amministrazione comunale riteneva di saper far bene da sola. Visto che il “ci pensiamo noi” non è stato positivo, che le acque continuano ad essere cattive e vista la presenza del nuovo Assessore al commercio, vogliamo stavolta aprire una discussione franca e corale?”

 Al riguardo è pronta la Mozione di Forza Italia per aprire una nuova discussione in Consiglio Comunale.