E’ scontro aperto ormai tra Toscana aeroporti e il fronte del no alla nuova pista. Una dura presa di posizione infatti è arrivata oggi anche dal primo cittadino di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi.

“Da Toscana Aeroporti sta arrivando un inaudito attacco a rappresentanti delle Istituzioni, un tentativo di killeraggio mediatico inaccettabile per una società a capitale parzialmente pubblico che si candida a gestire un bene pubblico e a beneficiare di finanziamenti pubblici. L’acquisto di pagine a pagamento sui giornali per contestare con nomi e cognomi i rappresentanti dei cittadini e delle Istituzioni democratiche evoca un metodo che porta alla mente momenti inquietanti della nostra storia. Nel merito delle dichiarazione rese dal vicesindaco Sforzi, in particolare, dobbiamo prendere atto di come la società non riesca a contestarne il merito, a riprova del fatto che non ci sono depositari della verità”.

Afferma il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, commentando l’uscita su alcuni quotidiani odierni delle inserzioni a pagamento “Ora basta – Terza puntata” da parte di Toscana Aeroporti.

“Colpisce il silenzio della altre Istituzioni, del sindaco metropolitano Dario Nardella, che non esita a prendere la parti del privato dimenticando il proprio ruolo istituzionale, e della Regione Toscana, azionista di Toscana Aeroporti. Al di là delle opinioni sull’opera, mi aspetto dal Presidente Enrico Rossi una ferma presa di posizione e un richiamo al rispetto delle istituzioni da parte della società di cui è azionista insieme ad altri Enti pubblici. Il silenzio avalla l’idea che se si hanno sufficienti risorse economiche possa venir meno il dovere di rispettare la democrazia e le Istituzioni”.

Potrebbe interessarti anche:
Sinistra Italiana replica a Salvini: “Il nuovo aeroporto definisce lo sconvolgimento della Piana”