Si è tenuto questa mattina, sabato 16 novembre, nella sala della Giostra del palazzo comunale, il primo incontro della seconda fase del bilancio partecipativo del Comune di Poggio a Caiano “La città colorata”.

La città colorata entra nella fase operativa

Insieme ai professionisti degli uffici tecnici del Comune, i cittadini hanno potuto lavorare concretamente sulle proposte raccolte durante i cinque laboratori che si sono tenuti nel mese di luglio e che sono state circa un centinaio (pervenute sia negli eventi nei rioni, che nella cassetta posizionata in Comune che sui social network).
Come è noto, grazie a “La città colorata”, ogni quartiere di Poggio avrà a disposizione 40mila euro da spendere per realizzare le idee dei cittadini. Quest’anno le risorse del bilancio comunale serviranno per dare forma ad una delle proposte per il Centro Storico ma, anno dopo anno, anche Candeli, Bonistallo, Poggetto e Santa Cristina in Pilli avranno l’occasione di contribuire a migliorare il proprio arredo urbano.

Dopo la fase di presentazione del progetto e dopo i laboratori itineranti dell’estate scorsa, questa mattina il percorso partecipativo di Poggio è entrato nel vivo: divisi in cinque tavoli di lavoro, i poggesi hanno potuto confrontarsi e presentare dei progetti concreti che, una volta elaborati dagli uffici comunali, saranno sottoposti alla votazione della cittadinanza.
Parallelamente procede anche il percorso de “La città colorata” nelle scuole. Anche i più piccoli, infatti, sono stati coinvolti nel disegnare la Poggio del futuro: oltre a presentare le proprie idee, compito dei più piccoli è quello di disegnare quello che diventerà il simbolo di ciascun rione.

Leggi anche:  La magia del Natale arriva a Poggio a Caiano

LEGGI ANCHE: NAS CHIUDONO PER 15 GIORNI PASTICCERIA DI SESTO FIORENTINO