Referendum: nasce il comune di Barberino Tavarnelle. Ha vinto il sì al Comune unico nei territori di Barberino e Tavarnelle. Ad essere chiamati alle urne sono stati 9.528 elettori: 3457 a Barberino e 6.068 a Tavarnelle. Saranno di circa 22 milioni di euro spalmati in dieci anni i contributi per il nascente Comune unico di Barberino e Tavarnelle. La Città Metropolitana passa così da 42 ai 41 comuni.

Le percentuali

Numeri importanti quelli che hanno deciso il futuro dei due Comuni. A Barberino ci sono stati 1264 sì (67,74%) 602 no (32,26%), mentre a Tavarnelle 2424 sì (82,06%) 530 no (17,94%).

Il voto negli altri comuni fiorentini

Hanno deciso per il “no” a Dicomano e a San Godenzo. Dicomano 66,05% sì (1000 voti), 33,95% no (514 voti)
San Godenzo 33,76% sì (235 voti), 66.24% no (461 voti)

Affluenza

Tavarnelle 49,09%; Barberino 54,35%; Dicomano 35,58%; San Godenzo 71,59%

I motivi delle fusioni dei Comuni sono da ricondurre soprattutto alle insufficienti risorse di bilancio che portano a ridotti margini di manovra con cui si trovano ad avere a che fare quotidianamente le piccole Amministrazioni, alle minori possibilità di sviluppare servizi ed infrastrutture ed alla minore attrattività del territorio dai punti di vista degli investimenti economici e turistici. Senza dimenticare l’aumento del peso a livello istituzionale con un Comune più popoloso e la possibilità di avere un personale tecnico-amministrativo più qualificato pur contenendo i costi.