Segretario PD Nardi è intervenuto in merito ad un post Facebook di Su per Colle pubblicato qualche giorno fa dal titolo “Perchè non è stato fatto prima?”.

Segretario PD Nardi:”Chi si scusa si accusa”

Due giorni fa Su per Colle sulla sua pagina Facebook ha pubblicato un post dal titolo “Perché non è stato fatto prima?” che ha suscitato un vivace dibattito dentro e fuori la rete. Il segretario colligiano del Partito DemocraticoStefano Nardi lo commenta così:

“Curioso che si faccia un post su Facebook per giustificare la propria inefficienza, evidentemente il malcontento in città si fa sentire e la maggioranza ha pensato di correre ai ripari mettendo le mani avanti, certificando però così la propria crisi. Andreucci e Bargi, ieri sposati e oggi separati in casa, sono due facce dello stesso fallimento. Si potrebbe dire “Excusatio non petita, accusatio manifesta”, ovvero “Chi si scusa si accusa”. Siamo di fronte ad un goffo tentativo di cercare giustificazioni per le proprie mancanze, dopo cinque anni è semplicemente ridicolo dire ‘Io non c’ero’. Chi si è voluto dissociare e ha preso le distanze da questo scempio lo ha fatto nella prima parte di mandato”.

Sulle candidature di Andreucci e Bargi

Nardi ritiene le candidature di Lodovico Andreucci e di Angela Bargi il segnale della fine dell’esperienza politica di Su Per Colle. 

“Le candidature di Andreucci e Bargi certificano la fine dell’esperienza Su per Colle. La divisione della maggioranza – prosegue Nardi – manifesta il tentativo maldestro da una parte di riproporre con Andreucci una proposta inefficace e fallimentare per la città, dall’altra il centrodestra tenta invano di smarcarsi ma candida l’attuale capogruppo di Su per Colle, Angela Bargi, la quale ha condiviso finora tutte le scelte dell’amministrazione. Tra l’altro appare debole il tentativo da parte dei tre partiti di centrodestra, in guerra tra loro, di definire civica una candidata che loro stessi hanno candidato, come emerge da alcune dichiarazioni alla stampa di questi giorni”.

Un progetto nuovo ed aperto per Colle

“Su per Colle non ha mantenuto le promesse e ha tradito le aspettative, i colligiani non sono sprovveduti e se ne rendono perfettamente conto. Colle negli ultimi cinque anni è peggiorata, è sotto gli occhi di tutti: il decoro e le manutenzioni inesistenti, i lavori pubblici fermi, le difficoltà della macchina comunale, il tessuto associativo e di aggregazione completamente abbandonato, il turismo che non cresce, la cultura addormentata – conclude il segretario demStefano Nardi -. Ora c’è bisogno di altro, di voltare pagina, di un progetto nuovo. C’è bisogno di una visione di futuro per questa comunità e questa città, per tornare ad essere una città viva. Per questo sosteniamo la candidatura civica di Alessandro Donati, partecipando alla costruzione di un progetto nuovo ed aperto per l’alternativa e il cambiamento. Stiamo lavorando insieme per far rinascere Colle”.

Leggi anche:  Monni: “Più treni con fermata Lastra a Signa. Così si migliora ambiente"

LEGGI ANCHE: Amministrative Colle: centrodestra appoggia Angela Bargi