Il vice sindaco di Montemurlo Simone Calamai e l’assessore allo sport, Giuseppe Forastiero hanno incontrato il campione di motociclismo alla pista Il Geko di Oste, dove Lorenzo Dalla Porta si sta allenando in attesa di riprendere il campionato del mondo con sempre più determinazione.

Lorenzo Dalla Porta, inizia il 10 marzo dal Qatar la nuova stagione di Moto3

Ha fame di vittoria Lorenzo Dalla Porta, il campione di motociclismo montemurlese che il prossimo 10 marzo riprenderà la stagione del Mondiale di Moto 3 sul circuito del Qatar.

Lorenzo, nonostante i suoi 21 anni, mostra una sicurezza, una disciplina e una determinazione da professionista. In queste settimane di attesa, prima della ripresa del moto mondiale Lorenzo, sta seguendo una preparazione atletica scrupolosa sotto al guida attenta di un preparatore tecnico:

«Mi alleno due volte il giorno con la moto sul circuito di famiglia “Il Geko” a Oste, inoltre, curo la mia preparazione fisica, faccio palestra, corsa e seguo una dieta equilibrata. Ho voglia di riprendere il campionato e di impormi sugli avversari. Nella Moto3 c’è una grande agonismo, ma io corro per vincere e il mio obbiettivo era e resta il podio».

A salutare il campione e ad esprimergli tutto il sostegno dei montemurlesi, nei giorni scorsi sono passati dalla pista “Il Geko” di Oste l’assessore allo sport, Giuseppe Forastiero e il vice sindaco Simone Calamai:

«Lorenzo Dalla Porta è un grande campione, una delle straordinarie eccellenze montemurlesi. – dicono – Quest’anno poi lo vediamo particolarmente determinato a vincere, segno che l’esperienza maturata sui circuiti internazionali lo ha fatto crescere e reso ancora più sicuro delle proprie potenzialità. Lo seguiremo in tutte le 19 tappe del moto mondiale e, come tutti i montemurlesi e non solo, faremo il tifo per lui».

Riconfermato con il team Leopard Racing, Dalla Porta correrà con una Honda 250 (60 cavalli per 82 kg di peso) che ha provato per la prima volta il 6 e 7 febbraio scorsi sul circuito di Valencia. La preparazione proseguirà la prossima settimana, il 20, 21 e 22 febbraio in pista a Jerez della Frontera, in Spagna. Al fianco di Lorenzo c’è sempre il padre Massimiliano, che segue il figlio in giro per il mondo,sostenendolo e guidandolo :« È lui che mi fa fare le scelte giuste», sottolinea Lorenzo Dalla Porta. Non a caso Lorenzo deve molto della propria carriera al padre. È lui che ha capito il talento e le potenzialità del figlio, quando ad appena otto anni ha iniziato a correre le sue prime gare di mini-moto. È ed è per Lorenzo che è nato il circuito di Oste, dove tutt’ora il campione si allena. Le prime vittorie per Lorenzo sono arrivate poco dopo: ha esordio nel mondiale junior a Indianapolis 2015 ,vinto nel 2016; nel 2018 ha conquistato cinque podi.

Leggi anche:  Dalla vendita della ex-scuola oltre 300 mila euro in asfaltature sulle strade

Il 48 è il numero magico di Lorenzo, è quello con cui corre e per lui rappresenta un legame speciale con la sua famiglia:

«E’ l’anno di nascita di mia nonna Nicoletta, è stata lei a comprarmi la prima moto ed è lei la mia più grande sostenitrice. Con questa scelta volevo omaggiarla».

Infine il grande idolo e modello a cui aspirare per Lorenzo Dalla Porta è Valentino Rossi, anche se «Marquez sta facendo grandi cose che Valentino non è riuscito a fare (ha vinto cinque moto mondiali nel 2013, 2014, 2016, 2017 e 2018) ».

LEGGI ANCHE: STUDENTI A SCUOLA DI PRIMO SOCCORSO A MONTEMURLO.