A margine del Mundialito svolto al campo “Loik” di Monsummano Terme tra 15 squadre di giovani tra gli 11 e i 12 anni, il vicepresidente dei Giovani Granata, Junior Grilli, ha tenuto a rimarcare il grande rapporto stretto con la società piemontese, negli ultimi tempi rinsaldatosi maggiormente. Gli istruttori monsummanesi frequentano anche 5-6 corsi all’anno, organizzati dal Torino FC,  per migliorare su aspetti tecnici e umani, nei rapporti con i giovani atleti.

Futuro di grande qualità per i Giovani Granata Monsummano

 

I Giovani Granata Monsummano sempre più al centro della “dimensione” Torino, di cui da questa stagione, dopo un triennio come Academy, sono società Satellite e Centro di formazione, unica in Toscana e tra le tre in tutta Italia. E la prima edizione del Mundialito – che si è svolto lo scorso fine settimana con 15 squadre al via delle categorie Esordienti 2007 e Pulcini 2008 e 600 persone ad affollare il “Loik” di piazza Gentili – non ha fatto altro che potenziare il progetto di collaborazione con il glorioso club piemontese. “In tre anni abbiamo lavorato sodo, siamo migliorati in tutto, e per questo il Torino ci ha premiati – dice il vicepresidente dei Giovani Granata, Junior Grilli – crediamo molto nel progetto “Reale” del Torino, e svolgiamo la nostra attività anche in collaborazione con la società affiliata Olmi Quarrata. Per noi non c’è soltanto uno stemma, ma lavoriamo come loro con i loro metodi, i nostri responsabili Alessandro Pellegrini, Marco Ghera e Giuseppe Laratta sono in contatto quotidiano con il Torino nello scambio di informazione tecniche e organizzative, i nostri istruttori frequentano i loro corsi, 5-6 all’anno, migliorando sugli aspetti tecnici e umani, per cercare di migliorare naturalmente i nostri bambini”. I prossimi appuntamenti sono la sfilata dei ragazzi di Monsummano allo stadio prima di Torino-Spal, match in programma il prossimo weekend, poi il 26 e 27 febbraio un raduno tecnico dove sono convocati alcuni atleti classe 2003/2004 e 2005/2006, giornate di stage per gli allenatori e, a maggio, il Torneo Academy per la categoria Esordienti. Aggiunge il responsabile progetto Academy, Teodoro Coppola: “Il Mundialito è stato un momento di grande aggregazione e condivisione, ma è stato anche un grande successo tecnico, perché a Monsummano non sta crescendo solo la quantità, il numero degli iscritti, ma soprattutto la qualità della formazione e quindi dei ragazzi. Abbiamo trovato miglioramenti importanti e un ottimo livello di apprendimento sia nell’attività di base, dai 2012 ai 2007, sia nel settore giovanile, ed è veramente di buon auspicio per il futuro di Monsummano e del Torino. Adesso le nostre presenze saranno ancora più assidue per sviluppare e dare forza al Pti, il Potenziamento tecnico individuale, per concentrarci sul lavoro in campo e sulla crescita di questi giovani atleti”.